Nola, crisi politica. Il sindaco “Si governa fin quando ci sono i numeri: bisogna intendersi su cosa significa condivisione”

Nola – “Fin quando ci sono i numeri, continueremo a governare”. Così il sindaco Gaetano Minieri, dopo l’ultimo Consiglio comunale che ha di fatto palesato una maggioranza appena sufficiente per approvare gli atti. Al momento siamo in una situazione di 12 +1, dove proprio il sindaco fa la differenza.

“L’attività amministrativa, dopo un anno e mezzo – continua il sindaco Minieri – ci sta restituendo i primi frutti. Abbiamo dovuto prima spostare le macerie per poi ricostruire. A breve asfalteremo una serie di strade, riattiveremo i parchi, e stiamo sistemando il muro di cinta dell’isola ecologica. Opere che realizziamo senza attingere dal fondo comunale. Stiamo inoltre distribuendo il bonus spesa-  alimentare, operazione che ha avuto qualche ritardo per le difficoltà che abbiamo incontrato e per le dimensioni della platea. Inoltre, con risorse comunali distribuiremo bonus non alimentari da spendere nei negozi di Nola”.

Cosa risponde al consigliere Verani e al presidente del consiglio, Notaro, che si sono astenuti su tutti i capi all’ordine del giorno, evidenziando che all’interno della maggioranza c’è poca condivisione?

Vorrei comprendere – risponde Minieri – che cosa si intenda quando si parla di poca condivisione. Se è un modo per rallentare l’azione amministrativa io non ci sto. Non si possono ripercorrere rituali politici che oramai sono superati. La condivisione deve esserci sulle proposte, non sulle posizioni. Sulle proposte possiamo sempre confrontarci. Del resto, ho dimostrato di ascoltare sempre le istanze di tutti, come nel recente caso dell’università allorchè ho favorito un dialogo tra le parti, in particolare  tra l’ateneo e il Movimento per Nola’.”

In questi giorni si proverà a trovare un’ intesa per superare le criticità?

Come ho sempre detto – continua ancora Minieri – io sono semplicemente un rappresentante del popolo. Il mio obiettivo resta sempre quello di lavorare per il bene della nostra comunità. Su questo intendimento ci si potrà sempre ritrovare”.

Intanto, domani, lunedì 11 gennaio si torna in Consiglio comunale alle ore 11.00 per discutere sulla proposta dell’opposizione relativa alla nuova ubicazione della sede dell’università Parthenope.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *