Nola, dopo il “flop” convocato Consiglio per martedì 11 per l’approvazione del bilancio consolidato già fuori tempo

Nola – L’approvazione del bilancio consolidato slitta alla prossima seduta di Consiglio comunale. La discussione e la votazione sull’argomento era attesa per il Consiglio comunale del 4 ottobre – in prima Convocazione- ed il 5 in seconda. Come è noto la seduta è stata annullata per errori procedurali nella convocazione tra l’altro pesantemente stigmatizzati da una nota dell’opposizione.

Il problema è però un altro. Per l’approvazione del bilancio consolidato che riguarda lo stato dell’arte delle partecipate, siamo già fuori tempo massimo. Il termine perentorio, infatti, era fissato al 30 settembre, giorno in cui si è svolta la conferenza dei capigruppo per convocare il Consiglio comunale, successivamente annullato.

Ora, in caso di mancata approvazione del Bilancio consolidato – entro la scadenza del 30 settembre -, il Testo unico degli enti locali non prevede la diffida e successivamente (al permanere dell’inadempimento) della nomina di Commissario ad Acta con comunicazione al Prefetto per lo scioglimento, bensì una sanzione automatica.

In pratica, in caso di mancato rispetto dei termini previsti, gli enti inadempienti non possono procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo con qualsivoglia procedere tipologia contrattuale, ivi compresi i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa e di somministrazione, anche con riferimento ai processi di stabilizzazione in atti, fino a quando non abbiano adempiuto.

In sostanza dal 30 settembre in poi, il Comune non è più nelle possibilità di avviare qualunque tipo di procedura di assunzione ed eventualmente è costretto a bloccare quelle in corso.

Questa situazione permarrà fino a quando il bilancio consolidato non sarà approvato, comunicando i relativi dati – entro 30 giorni dall’ok del Consiglio comunale – alla Banca dati delle Amministrazioni pubbliche.

E’ chiaro che si tratta di una condizione che riguarderà solo alcuni giorni, visto che un’ altra emergenza a cui il Comune deve far fronte è quella relativa all’ assunzione di personale le cui procedure sono già partire, anche se al momento non è noto se sia già giunto il parere favorevole della Cosfel (Commissione per la stabilità degli enti locali), parere necessario per i Comuni sottoposti a dissesto finanziario.

Ed è proprio per cercare di chiudere quanto prima questa “partita” così importante, adempiendo alle scadenze rimaste in sospeso e non avere più elementi ostativi per le assunzioni, che già ieri pomeriggio è stata convocata la conferenza dei capigruppo che ha deciso la convocazione di un nuovo Consiglio comunale per martedì 11 ottobre alle ore 9.00 (in prima convocazione e mercoledì 12 ottobre).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.