Nola, parte la “bonifica” delle erbacce. Tudisco “Esternalizzeremo il servizio con una manutenzione programmata e periodica”

Nola – La città resta ancora “ostaggio” delle erbacce. Molte strade, anche del centro, sono ormai caratterizzate da una “vegetazione spontanea” che mortifica il decoro urbano. Nel frattempo l’amministrazione comunale, in particolare l’assessorato all’Ambiente, ha avviato un programma di bonifica

Tra le “zone rosse” o meglio “ troppo verdi”, vi è la stessa piazza D’Armi, dove ogni mercoledì si svolge anche la fiera settimanale. Ieri pomeriggio si è intervenuto nel taglio dell’erba sui marciapiedi di Francesco Napolitano

Spostandoci in un’ altra zona, in via foro boario, dove ritroviamo in condizioni non dignitose la piazza di fronte alla chiesa del Carmine. Stesso discorso all’interno e all’ingresso dell’area del mercato ortofrutticolo.

I cittadini sono da tempo sul “piede di guerra” ed invocano a gran voce interventi per il ripristino di un livello minimo di vivibilità, anche perché – come è noto –  le erbacce attirano insetti ed altri tipi di animali.

Sullo spinoso problema sta lavorando l’amministrazione comunale, perseguendo due livelli di interventi. Uno a breve periodo, per rimuovere l’emergenza, l’altro a lungo periodo per evitare che questo tipo di situazione possa ripetersi.

Scuola via San Massimo

A spiegarlo è lo stesso vicesindaco con delega all’Ambiente, Giuseppe Tudisco. “La nostra squadra di manutentori è già a lavoro da tempo per ripristinare una situazione di decoro – afferma Tudisco – Si è intervenuti in diversi quartieri, anche se il caldo e la pioggia hanno fatto subito ricrescere le erbacce. Contiamo in un mese di completare tutte le aree interessate”.

Tudisco evidenzia che un intervento specifico sarà effettuato anche all’interno del cantiere della scuola di via San Massimo che presenta una situazione di profonda criticità con la vegetazione che ha raggiunto un livello preoccupante. Tante le segnalazioni, anche in questo caso, da parte dei residenti che evidenziano come il sito sia ormai un luogo malsano, covo di insetti ma anche di ratti. Da tempo si annuncia che i lavori dovranno essere completati, ma  nel frattempo nulla si muove.

Nei prossimi giorni, l’area sarà almeno messa in sicurezza, così come ha assicurato Tudisco.

Giuseppe Tudisco

L’altra linea di intervento è quella che si svilupperà sul medio periodo, sul piano della programmazione.

“L’amministrazione comunale – afferma Tudisco – sta definendo un piano per un’esternalizzazione del servizio di manutenzione del verde pubblico con un programma di intervento puntuale e periodico evitando situazioni così critiche e bonifiche su chiamata. Occorre nel corso dell’anno un calendario preciso che definisca bene il lavoro da fare e le zone interessate. Bisogna evitare di scivolare in condizioni emergenziali e questo lo si può fare solo con la buona programmazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.