Festa dei Gigli, paranza Stella:pronti a “tagliare” via San Paolino nel caso di maxi ritardi

Nola – La festa dei Gigli entra sempre più nel vivo. Il prossimo fine settimana si presenta, infatti, fitto di eventi. In particolare, ad esibirsi saranno le corporazioni del Giglio del Bettoliere e dell’Ortolano. Il primo appuntamento è per sabato pomeriggio, quando sfilerà per le strade cittadine il corteo del Giglio del Bettoliere che vede la famiglia Napolitano come maestri di Festa. Tra i motivi di interesse vi è la presenza della paranza barrese la Formidabile. La Divisione Musicale è quella nolana della C2 band di Massimo Castagnini, mentre il cantante è Tino Simonetti. Per domenica mattina è in programma, invece, l’esibizione del Giglio dell’Ortolano della famiglia Iorio. A trasportare il Giglio sarà la paranza Fantastica di Enzo Scala, mentre la divisione musicale è quella di Franco Forino. Anche qui non mancano gli spunti di interesse. In particolare, al Giglio dell’Ortolano si celebrano anche i 30 anni del cantante Raffaele Caccavale che si esibirà sul Giglio contemporaneamente insieme ai due figli. Segnatamente si tratta di Rosario che fa il suo debutto come cantante e Felice che ormai un consolidato e noto tastierista.  Nel frattempo, continuano gli incontri dell’Ente Festa in vista dell’ organizzazione del giorno della grande ballata. Tra i temi all’ordine del giorno, naturalmente, la sicurezza e la disciplina dello svolgimento della processione dei Gigli e della Barca. L’obiettivo è naturalmente quello che l’intera kermesse si svolga in maniera regolare e senza alcun tipo problematiche. A tutto questo va aggiunto quello di evitare che la manifestazione si protragga oltremodo come avvenuto negli ultimi due anni, quando la Festa si è conclusa alle ore 11,30 del lunedì. A tal proposito il capo paranza della Stella, Giuseppe Guerriero ha annunciato una proposta che è  a mezza strada tra  il provocatorio ed il reale. Una proposta che è stata annunciata in una delle ultime riunioni dell’Ente Festa finalizzata secondo chi l’ha avanzata, a dare una svolta alla Festa. “ Noi siamo sempre stati rispettosi delle regole – ha dichiarato il capo – paranza della Stella Giuseppe Guerriero – e lo continueremo ad esserlo. Al tempo stesso riteniamo  che sia necessario dare una svolta a questa Festa che negli ultimi anni è stata caratterizzata da fortissimi ritardi. Noi riteniamo – continua Guerriero – che sia ragionevole uscire dal vico di Piciocchi entro le cinque del mattino. Proprio per  questo di concerto con il maestro di Festa, abbiamo deciso di concerto con il maestro di festa, che se dal  percorso dovesse emergere che l’andamento della Festa sia diretto  nuovamente a pesanti ritardi, riteniamo che all’incrocio di via San Felice, di ritorno dalle “ Carceri”, invece di proseguire per Via San Paolino, tireremo dritto fino a Piazza Duomo. In questo modo termineremo comunque in tempi ragionevoli la manifestazione, perché è inumano far ballare i Gigli per oltre 24 ore. La nostra è una proposta è finalizzata a dare una svolta alla nostra festa, perché così non si può andare avanti, soprattutto in vista della candidatura Unesco”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.