Il Vescovo fa visita al Commissariato di Polizia

“Sono qui per rinnovare il passaporto”. Questa la “battuta” che il Vescovo di Nola, Sua Ecc. Mons. Beniamino Depalma, ha rivolto a quanti questa mattina gli chiedevano il motivo della sua presenza presso la sede del Commissariato di Polizia di Nola. Una visita importante quella di Depalma atteso alle 11:30 in via Cimitile per benedire la statua della Madonna di Lourdes che da poche settimane “veglia” l’ingresso della struttura della PS. Ad attenderlo una folta rappresentanza di uomini in divisa, capitanati dal Commissario capo, il dott. Pietro Caserta e dal vice capo, la dott.ssa Maria Antonietta Ferrara. “Una perfetta guardiana – ha continuato Depalma rivolgendosi ai presenti -, a cui rivolgere uno sguardo prima di ogni missione. Sicuramente il suo sguardo vi proteggerà indicandovi la giusta direzione. Grazie per quanto avete fatto, fate e continuerete a fare per il territorio ed i suoi cittadini. Che la Madonna vi benedica e vi protegga, oggi e sempre”. Una cerimonia breve, suggestiva e commovente fortemente voluta dal dirigente Caserta che, per l’occasione, ha invitato Mons. Depalma a visitare l’intera sede della PS che, da circa due mesi ormai, si fregia anche della presenza di un ampio parcheggio per le auto dei dipendenti. Un’area adiacente i locali del Commissariato utile ad accogliere oltre 50 autovetture che, così, non intralceranno più il traffico di via Cimitile agevolando non solo la viabilità ma anche e soprattutto la comodità dei residenti. “Oggi è un giorno importante per noi – ha commentato Caserta -. La presenza di Mons. Depalma questa mattina arricchisce ulteriormente lo spirito con il quale ogni giorno operiamo per il bene, la tutela e la salvaguardia non solo del territorio ma anche e soprattutto dei cittadini. Un lavoro difficile il nostro che onoriamo quotidianamente con grande impegno, devozione,  fedeltà e coraggio. Ed oggi lo “sguardo” della Madonna di Lourdes, attraverso  la presenza di questa statua, non può che rappresentare il valore aggiunto di un impegno scelto e voluto da ciascuno di noi per la Città.  Uno sguardo speciale a cui rivolgerci prima di partire per i nostri interventi con la speranza, che dinnanzi a questi meravigliosi occhi diventa certezza, di ritornare in sede consapevoli di aver onorato al meglio la nostra missione umana e professionale”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.