Da lunedì 1 agosto ripartirà “Agosto col grembiule”

“Sono convinto che oggi occorra una grande rivoluzione per dare un volto nuovo alla società. E questa rivoluzione bisogna farla attraverso la logica della solidarietà: mettere da parte l’egoismo e aprire il cuore!”.Parole forti quelle di mons. Beniamino Depalma, vescovo di Nola, ripetute in più occasioni – dalla Statio a Torre Annunziata alla Benedizione dei Gigli di Nola – e ribadite per invitare tutti, adulti e giovani della diocesi di Nola, a partecipare anche quest’anno all’iniziativa “Agosto col grembiule” promossa dalla Caritas diocesana. Un’esperienza forte di solidarietà che lo scorso anno ha visto l’adesione gioiosa di tanti.”La mia speranza – ha detto mons. Depalma – è che questa grande catena della solidarietà raggiunga ancora più persone. Che i giovani diano un altro colore alla loro esistenza, non il colore del consumismo ma il colore dell’amore. Soprattutto in questo periodo, pensino meno a sciupare il tempo, più a valorizzarlo”.Nola, Pomigliano e San Giuseppe sono i centri che, il prossimo mese, faranno da scenario all’onda di solidarietà provocata dai grembiuli della diocesi nolana. “Io scateno, tu scateni, Lui scatena! E noi? Scateniamo la solidarietà!” recita lo spot dell’evento «perché – ha dichiarato il direttore della Caritas, don Arcangelo Iovino – agosto è il mese scelto di solito dai giovani per scatenarsi in un divertimento sfrenato con l’obiettivo di bruciare il tempo. Il nostro invito è invece quello di scatenarsi perché il tempo frutti felicità per se stessi e per gli altri”.Partecipare è ancora possibile. Basta inviare una mail a operesegno@caritasnola.it oppure contattare Salvatore al 3291731273 o ancora recarsi tutte le mattine di agosto nelle mense diocesane coinvolte dalle 9.30 alle 14.30. «Oppure – ha dichiarato ancora don Arcangelo – contattarci tramite il nostro profilo su Facebook. Il web si è rivelato l’asso vincente per diffondere l’iniziativa e per arrivare anche a chi non frequenta quotidianamente le parrocchie».La giornata tipo di “Agosto col grembiule” inizia alle 9:30, si indossa il grembiule, si prega insieme e si presenta un testimone invisibile della carità. Poi si passa al menù, si prepara la sala. Alle 11:30 arrivano i volontari del secondo turno. Si affidano i poveri al Signore, si accolgono gli ospiti della giornata e li si coinvolge perché siano protagonisti. Quando la sala è vuota, iniziano le pulizie perché tutto sia in ordine per il giorno successivo, un altro giorno per servire l’umanità.

di comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.