Incendio Pizzeria Gallery: Le fiamme sono state causate da un corto circuito

Nola  – L’odore acre del fumo ha colto nel sonno i residenti di Via Mario De Sena. L’incendio che ha quasi completamente distrutto l’interno della nota Pizzeria Gallery si sarebbe sviluppato intorno alle quattro del mattino. Ad intervenire sul posto sono stati i vigili del fuoco che hanno impiegato non poco a domare le fiamme. Le operazioni di spegnimento, infatti, si sono presentate più complesse del previsto. Ancora molto presto per azzardare delle ipotesi specifiche sulle cause dell’accaduto. Sul posto sono giunti anche i carabinieri delle locale stazione. Di sicuro sembra potersi escludere in maniera categorica la pista dolosa. Non è stato rilevato, infatti, dai vigili del fuoco nessun elemento che possa far pensare a questo. In particolare nessun segno di effrazione. Nessuna traccia che indichi in maniera inequivocabile un atto volontario di appiccare le fiamme al noto locale. L’ipotesi maggiormente verosimile, invece, è quella che alla base di tutto vi sia stato un corto circuito sviluppatosi dall’interno, in particolare dai quadri elettrici. La scintilla poi si sarebbe tramutata in rogo a contatto con i vari materiali infiammabili presenti all’interno della struttura: sedie, tavolini, ed altro. Va specificato che l’incendio ha riguardato la parte del locale relativa all’asporto e non la sala ristorante che non è stata assolutamente coinvolta dalle fiamme. Come detto in precedenza le operazioni di spegnimento hanno impiegato diverse ore prima della loro conclusione. Ora si procede alla stima dei danni che già ad un’ analisi sommaria si presentano certamente ingenti. Del resto, all’interno, poco o nulla si è salvato. Ancora nella tarda mattinata di ieri si lavorava per liberare il locale dai residui della combustione. Nessun danno è stato subito invece da persone. Per i residenti del quartiere solo un grande spavento. Ad essere ancora molto presente è il forte ed acre odore di bruciato che rende ancora, a distanza di ore , l’aria irrespirabile. Come già detto, a seguire il caso sono gli uomini dei Carabinieri. Sebbene nei primissimi momenti l’episodio poteva far pensare ad un atto doloso, non rari anche nel nolano, l’ esame più approfondito del fatto, con la verifica in loco dei vari elementi raccolti, porta ad escludere un’ ipotesi di questo genere. A generare l’incendio sarebbe stato un corto circuito. Questa la conclusione. Verificheremo nei prossimi giorni eventuali risvolti della vicenda.

di Redazione Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.