Nola : black out in vari punti della città

Nola – Nola resta al buio. Cittadini bloccati in casa e impiegati pubblici e privati a braccia conserte, il tutto a causa di un black out che ha interessato larga parte del territorio della città bruniana. Sin dalle 9 di questa mattina, infatti, i nolani si sono ritrovati al buio. Il guasto pare abbia interessato in modo particolare gli utenti di una locale azienda di produzione di energia elettrica, ma non sono mancati disagi anche per gli utenti delle maggiori aziende nazionali. Sulle cause della disfunzione è ancora mistero. Solo verso le ore 15.00 pare che, per circa un’ora la città abbia  potuto godere della luce elettrica, per poi ripiombare nel buio. Disagi si sono avuti non solo nelle private abitazioni e negli edifici adibiti alla refrigerazione di beni alimentari, ma anche negli uffici pubblici. In modo particolare è rimasto per lunghe ore al buio anche il locale commissariato di Ps. Gli operatori della Polizia di Stato, infatti, sono rimasti giocoforza a braccia conserte per diverse ore in quanto non potevano accedere ai proprio terminali né tanto meno comunicare con altri uffici in quanto il tutto è collegato alla rete elettrica. Diversi utenti, recatisi, presso i loro uffici per avere informazioni, sono dovuti tornare indietro. Disagi, però, sono stati avvertiti anche dai privati cittadini. “Sono rimasta bloccata in casa in quanto non era possibile aprire il cancello elettrico –  ci dice Anna, abitante di un Parco residenziale di Via Abate Minichini – Purtroppo i nostri cancelli sono tutti alimentati ad energia elettrica e in assenza di energia non è possibile cacciare fuori le nostre auto”. “Io mi ero recato stamattina presso il Commissariato di Nola – ha invece dichiarato Enrico, cittadino della frazione di Piazzola di Nola –  volevo fare tutto l’incartamento per avere il passaporto per me e per mia moglie, in vista delle prossime vacanze estive, ma purtroppo nulla è stato possibile fare se non ritirare l’apposita modulistica. Gli agenti sono stati molto gentili ma obiettivamente non potevano aiutarmi senza l’ausilio dei computer”. Nelle prossime ore sarà possibile capire il perché di un disservizio di così ampia portata. L’arrivo della stagione calda da spesso spazio a problematiche del genere. L’utilizzo, sempre più capillare di sistemi di refrigerazione quali ad esempio gli impianti di aria condizionata, ormai presenti in tutte le abitazioni, rappresentano un aggravio di consumo assolutamente ingente per il sistema elettrico cittadino che spesso collassa davanti a richieste di energie che vanno al di sopra di ogni previsione.

 

di Maria Almavilla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.