Nola, incontro tra Vescovo e associazioni ambientaliste

Nola – Incontro ieri mattina tra ambientalisti e Vescovo di Nola sulla questione ambientale dell’area nolana. Nel mirino la querelle tra 19 primi cittadini e i 3 sindaci (Visciano, Roccarainola e San Vitaliano) contrari all’Accordo di Programma firmato a luglio con la Provincia di Napoli,  che prevede la riapertura di Paenzano2 per sversarvi il prodotto biostabilizzato dell’umido derivato dal tal quale e un annesso biodigestore anaerobico di tale rifiuto fuori specifica nel perimetro dello Stir. Dopo un’attenta analisi della situazione, che ha visto i sindaci litigare su tutto, con toni accesi e per certi versi inspiegabili, il prelato ha ritenuto, attraverso un pubblico documento, di invitare i sindaci ad una sana collaborazione e condivisione delle responsabilità, a portare nei rispettivi consigli comunali la questione e di aprire un canale di sana comunicazione con i cittadini e con le associazioni ambientaliste, impegnate nella tutela della salute e dell’ambiente. “Accogliamo con favore – ha sottolineato Gennaro Esposito di Assocampaniafelix – il messaggio del nostro Pastore e siamo fiduciosi di una rapida risoluzione dei conflitti che hanno attanagliato i nostri sindaci, per giungere ad un chiarimento ed ad un sano confronto pubblico con i cittadini”. “I sindaci debbono  spiegare ai cittadini – ha dichiarato Gennaro Allocca, del Comitato Difesa Agro Nolano – in un pubblico confronto qual’è la materia del contendere, perchè noi non l’abbiamo compresa appieno. Abbiamo per questo insistito affinchè il Vescovo potesse incitare questo confronto e riportare la questione lungo i binari della condivisione”. Appuntamento fissato per venerdì prossimo al Comune di San Vitaliano, dove sarà celebrato un consiglio proprio sull’annosa questione. Invitati tutti i sindaci dell’area nolana e lo stesso Vescovo Depalma in qualità di uditore. Le associazioni si riservano di indire un pubblico convegno sull’argomento solo dopo questo consesso, che dovrebbe chiarire molti aspetti della questione

 

di comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.