Ospedale: si attende l’ok della regione per la conferma dei due chirurghi in scadenza di contratto

Nola – Si attende solo l’ok della Regione per la conferma dei due chirurghi il cui contratto è in scadenza il prossimo 31 luglio. Sia l’amministrazione dell’ Asl che la Direzione dell’Ospedale hanno mosso tutti i passi necessari, nei  vari incontri susseguitisi nei mesi scorsi, affinché la riconferma delle due unità sia concretizzi al più presto. Sino a questo momento, come già detto, manca ancorqa la conferma da parte della Regione per far sì che il provvedimento sia realmente operativo. Un ‘ ufficializzazione che si attende con ansia nei prossimi giorni. La mancata conferma delle due suddette unità, infatti, potrebbe determinare, soprattutto in questi  mesi estivi, la chiusura del reparto chirurgia. Un’ ipotesi che almeno sulla carta non dovrebbe verificarsi, tenuto conto degli impegni assunti nei richiamati tavoli di confronti svoltosi nei mesi scorsi. Un’ennesima emergenza che verrebbe così  “dribblata”, anche se a permanere sarebbero ancora tanti problemi legati alla funzionalità dei servizi offerti che restano al limite della praticabilità, sia per l’insufficienza di personale che per l’inadeguatezza logistica. A procedere a rilento sono i lavori del pronto soccorso che dopo vari termini finali, sempre rinnovati, dovevano essere conclusi circa un mese fa, ma ancora volta il termine di consegna è stato disatteso. Nello specifico si trattava di un programma di lavori volto all’ampliamento dei locali ex mensa per consentire il trasferimento dell’ attuale pronto soccorso, così da avviarne l’intervento di ampliamento. I lavori in questione sono stati sin dall’inizio caratterizzati da una cronica lentezza e da numerosi rallentamenti. La prima data di consegna era prevista per lo scorso ottobre. Poi per motivi ancora non meglio precisati, i lavori vennero sospesi. Il programma è poi stato ripreso, ma la data di consegna non è stata ancora una volta rispettata, visto che l’intervento è ancora in corsa. E’ di queste ore, però, una buona notizia proprio per il pronto soccorso della città bruniana. Per il prossimo 13 agosto, infatti, sarebbe stata stabilita la chiusura del pronto soccorso di Pollena Trocchia. Una circostanza che avrebbe come effetto positivo il potenziamento del pronto soccorso di Nola, che come è noto, si presenta come una vera e propria trincea, insufficiente sia dal punto di vista logistico che di organico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.