Rincari sull’acqua: a maggio la bolletta aumenterà del 20%.

Nola tra le città più colpite dagli effetti della privatizzazione del servizio. Seguono Sarno e Castellammare

Trascorse le vacanze pasquali i cittadini della città di Nola, così come quelli di Sarno e Catellammare dovranno mettere mano al portafoglio e fronteggiare i rincari ,in arrivo per la metà di Maggio, sulla bolletta dell’acqua. Lo annunciato anche il giornale la Repubblica che, a proposito dell’aumento del costo dell’acqua dovuto alla privatizzazione del servizio , sottolinea gli aumenti che ci saranno nella città dei Gigli. Un aumento del 20%  circa, farà aumentare la bolletta dell’acqua che, quindi, sarà ancora più cara di quello che non lo sia già. Un aumento che sottolinea l’inarrestabile ascesa delle tariffe che dal 1998 ad oggi sono aumentate circa del 60%. Dati impressionanti che non fanno altro che evidenziare  le conseguenze della privatizzazione del servizio di erogazione dell’acqua.  Unica nota positiva è l’intenzione da parte del governo di introdurre in futuro un authority che vigili sulle tariffe e il servizio di erogazione dell’acqua. Cari cittadini , per ora godetevi le vacanze pasquali che a maggio si dovranno fare i conti con la salitissima bolletta dell’acqua.

di Antonio Laurino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.