Palmese – Atletico Nola 1-0: rossoneri accedono ai quarti di Coppa Italia

PALMESE: Carezza, Scognamiglio, Visone, La Marca, Iorio (1’ st. Architravo), Angieri, Manco, Giordano, Palmieri (28’ st. Montoro), Di Luccio, Vicinante  (9’ st. Arianna). All. Monaco. A disposizione: Leone, Di Giacomo, Formisano, Maffettone.

ATLETICO NOLA: Avino, Ugramin (16’ st. Orecchio), Martinelli, Palumbo ( 24’ st. Franco), Velotti, Lucignano (44’ st. Attanasio), Vacca, Castiglione, Piccolo, Casonaturale, Moccia. All. Principe. A disposizione: Abbacuccio, Costagliola, Maione, Detella.

ARBITRO: Festa di Avellino

MARCATORI: 6’ st. Manco

NOTE: Spettatori 100 circa. Tempi di recupero 1’ pt. – 5’ st. Ammoniti: Vacca, Moccia, Arianna, Montoro, Martinelli, Carezza. Espulso Moccia al 18’ st. per doppia ammonizione. Al 37’ st. espulso Manco per doppia ammonizione. Al 47’ st. Espulso Orecchio per fallo di reazione.

 

La Palmese  liquida la pratica Atletico Nola ed accede ai quarti di Coppa Italia, dove ritroverà la corazzata  Agropoli. Partita non bella, ma molto nervosa, soprattutto nella seconda frazione di gioco, che regalerà alla fine ben tre espulsi. Il primo tempo fila via senza patemi d’animo, per una Palmese che non ha intenzione di accelerare, visto che anche un pareggio a reti inviolate le consentirebbe il passaggio del turno. Gli ospiti ci provano, ma raramente riescono a rendersi veramente pericolosi. Ne consegue che solo nei minuti finali la gara s’infiamma. Al 36’ lancio di Manco dalla sinistra, il colpo di testa di Vicinante è ribattuto in angolo. Al 40’ ospiti vicini al goal, Velotti per Vacca che crossa dal fondo per Casonaturale, il suo tiro sbatte sulla difesa rossonera. Il secondo tempo è più vivace nelle battute iniziali, al 4’ Palumbo impegna Carezza, il portiere rossonero risponde presente. Al’ 6’ arriva il vantaggio della Palmese, Di Luccio scodella la solita punizione in area, con la difesa ospite  che non riesce a spazzare, palla sui piedi di Manco che insacca. Sempre Di Luccio al 12’ su punizione impegna Avino, bravo a deviare in angolo. Al 18’ ospiti in 10 per l’espulsione di Moccia per doppia ammonizione. La partita da questo momento s’incattivisce e cominciano a fioccare le ammonizioni. Al 30’ episodio dubbio in area, Montoro è solo ben imbeccato da Di Luccio, ma davanti ad Avino perde l’equilibrio e conquista un’ammonizione al posto del rigore, perché per Festa di Avellino è simulazione.  Al 36’ si ristabilisce la parità numerica, con Manco che finisce in anticipo sotto la doccia Al 41’ continua il duello tra Di Luccio e Avino, con quest’ultimo bravo a salvarsi su una punizione velenosa del rossonero. Al 45’ è La Marca ad avere la palla buona per il raddoppio, ma il suo tiro su invito di Di Luccio è troppo angolato e finisce fuori. Al 46’ Punizione di Franco ma Vacca in area manda alto. Il recupero regala un fallo di reazione di Orecchio, poi espulso, che serve solo a riscaldare ulteriormente gli animi e sancire il legittimo passaggio del turno dei rossoneri.

 

di Biagio Arentino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.