“La lunga notte”: il primo libro di Lorena Somma

Nola – “La lunga notte” è la prima opera di una giovane promessa nolana: Maria Lorena Di Somma., presentato alcuni giorni fa presso l’aula consiliare del comune di Nola. All’evento, moderato dalla giornalista Autilia Napolitano, hanno partecipato in qualità di relatori il filosofo prof. Luca Simonetti e l’assessore ai Beni Culturali prof.ssa M.Grazia De Lucia.“La lunga notte” è una raccolta di poesie che deve il titolo alla canzone “Long Nights” di Eddie Vedder, frontman dei Pearl Jam, il cui ritornello dice “le lunghe notti mi permettono di sentire”Riprendendo il leit-motiv, celebre fin dall’antichità classica, della notte come momento massimo di riflessione, istante in cui il mondo che ci circonda e il nostro essere possono venire a contatto, la giovane poetessa intende segnalare fin dal titolo che le sue poesie pur nascendo dall’intimo, dal profondo di sé, sono vicine all’animo di ognuno, abbracciando la totalità dei sentimenti.A prendere la parola per prima è stata l’assessore De Lucia, che ha voluto sottolineare quanto sia importante, in un momento storico di crisi in cui regna il materialismo, far conoscere questa poesia ricca e passionale, figlia del dubbio, opera proprio di uno di quei giovani troppo spesso accusati di superficialità. L’assessore ha concluso con un monito il suo intervento: “Questa ragazza è il simbolo che i giovani apprendono la superficialità dagli adulti, bisogna trasmettere loro i messaggi giusti”.E’ stato poi il turno del professore Simonetti, eminente uomo di cultura dell’agro nolano,  che ha esposto una sua accurata analisi di alcune poesie della raccolta, in cui, a suo parere, è evidente la formazione umanistica dell’autrice, diplomatasi al Liceo Classico “Giosuè Carducci” di Nola. Infatti, come ribadito dalla moderatrice, la Di Somma è nata e cresciuta a Mariglianella, ma avendo trascorso gli anni della sua formazione tra il Carducci e la patria di Giordano Bruno, si sente una nolana adottiva. E’ stata infatti lei a premere con la casa editrice Albatros, affinché il primo degli incontri che la porteranno in tutta Italia a promuovere l’opera fosse proprio nella sua Nola con i professori del Carducci. A conferma della sua scelta -dichiara- è stato importante constatare la grande disponibilità del Comune di Nola verso le iniziative giovanili.A termine dell’incontro c’è stata la lettura di alcune poesie della raccolta con accompagnamento musicale del giovane Flavio Cuccurullo, neodiplomato del già citato Liceo “G. Carducci”.

di Anna Colacori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.